(Da 1 a 16 di 16)  
20 aprile 2016 12:29 - Gabri65
Per fede (quello del crocifisso) dovremmo sostenere la misericordia e non un'immagine di qualunque natura essa sia.

Per cultura e senza considerare che il mondo sta cambiando, se lasciamo il crocifisso, dovremmo aggiungere anche il ritratto del RE.

Le normative citate dalla giurisprudenza sono contenute in due regi decreti del 1924 e 1928, mai abrogati, relativi rispettivamente alle scuole elementari e medie, sugli arredi scolastici delle aule, dove il crocifisso figura insieme con il ritratto del re d'Italia (con la repubblica, aggiornato con il ritratto del presidente). Non ci sono chiare indicazioni normative per le scuole materne, superiori ed università.

Anche allora quando fu tolta l'immagine del monarca ci furono rimostranze.

Le circolari del 1922 e 1923 del Ministero dell'Istruzione

La circolare n. 68 del 22 novembre 1922 recitava:
« In questi ultimi anni, in molte scuole primarie del Regno l'immagine di Cristo ed il ritratto del Re sono stati tolti. Ciò costituisce una violazione manifesta e non tollerabile e soprattutto un danno alla religione dominante dello Stato così come all'unità della nazione.

Intimiamo allora a tutte le amministrazioni comunali del regno l’ordine di ristabilire nelle scuole che ne sono sprovviste i due simboli incoronati della fede e del sentimento patriottico. »

La circolare dell'8 aprile 1923, n. 8823 sull'Esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche prescriveva:
« In seguito alla circolare del 22 novembre 1922 con la quale si richiamavano i Comuni alla osservanza delle disposizioni regolamentari in ordine all'apposizione, in ogni aula scolastica del crocifisso e del ritratto di S. M. il Re, si è da varie parti richiesto che possa essere ammessa, in luogo del crocifisso, l'apposizione di un'immagine del Redentore in un sua espressione significativa, che valga a manifestare il medesimo altissimo ideale che è raffigurato nel crocifisso (per es. "Cristo e i fanciulli").

A tale quesito si è ritenuto di dover dare risposta affermativa. »

Il mondo cambia, gli uomini no.

Forse il problema è il TOGLIERE, perchè non aggiungiamo un'immagine che rappresenti tutte le religioni?
19 aprile 2016 23:51 - Aleppo13
Dovreste vergognarvi di portare avanti iniziative del genere. In questa tematica si va oltre le direttive pseudo laiciste della ue. Il crocefisso nelle scuole va difeso, per fede o per cultura, il nostro passato il presente e speriamo il futuro. I signori della ue vogliono appiattirci tutti. È ora di alzare tutti la testa e prendere posizione.
Quei sindaci sono da lodare.
11 febbraio 2014 21:55 - piero3258
Il crocefisso non e' solo un simbolo religioso ma un simbolo universale della sofferenza dell'umanita' e del dolore individuale, in particolare del nostro destino mortale. Percio' infastidisce. Come la vista di un malato, di un disabile, di un vecchio, di un religioso, ecc. Che ipocrisia...
18 luglio 2012 17:16 - toto200
16 marzo 2012 10:42 - TIFFANY "Mi spiace ma il crocifisso non si tocca!"

D'accordo. Mi rendo conto che è una questione di valori,non di denaro, sterco del diavolo che la chiesa cattolica ripudia. Allora facciamo così: leviamo tutti i crocefissi solo come stimolo. E li rimettiamo al loro posto appena approvata la legge che paparazzingher:

1. riceve l'8x1000 SOLO di chi firma per la chiesa cattolica, e non come adesso che prende anche una parte dei soldi di quelli che hanno firmato;

2. paga l'IMU per TUTTE le attività commerciali che svolge (ostelli, alberghi, ...) e smette di fare concorrenza sleale eludendo l'IMU perchè mette una statuetta della madonna in una stanza dell'attività commerciale e dice che è tutto luogo di culto;

3. rinuncia ai soldi elargiti alle scuole di suore e preti presi dalle mie tasse, per le quali già riceve i soldi delle rette.

A questo punto rimettiamo i crocifissi ... :-)
30 maggio 2012 13:48 - shugar
ma andate a fanculo tutti con il vostro crocefisso...
16 marzo 2012 10:43 - TIFFANY
caro TANANAK......... TI DO COMPLETEMENTE RAGIONE.
16 marzo 2012 10:42 - TIFFANY
Mi spiace ma il crocifisso non si tocca! Che sia poi definito come " ordinanza di sicurezza" o che non lo sia, poco importa. L'italia è stata fondata su certi valori tra il quali il cristianesimo, e gli atei possono anche osservar il crocefisso appeso, come si osserva un quadro, un dipinto, un poster , senza adorarlo e nè dar a esso un significato religioso intrinseco. Qual'e il problema ? E' una specifica che dimostra chi siamo e da dove la nostra cultura è nata e si è sviluppata......allora xche al contrario non togliamo le bandiere? Sono un simbolo politico, comsi some la croce èun simbolo religioso. C'e chi guarda una bandiera e non "sente" il significato che esprime e idem chi osserva una croce e non prova nulla . MA ENTRAMBI DEVONO COESISTERE. Se da' fastidio, basta non guardarla !
4 febbraio 2012 10:13 - tananak
Alcuni vostri commenti sono sintomatici di ignoranza e inciviltà, è vero che uno Stato può avere tanti difetti ma, se la matrice è positiva e tutti collaborano, saprà corregersi nel corso del tempo.
Mi auguro che non siate cittadini italiani, ma rappresentanze dei soliti stranieri opportunisti che "sputano nel piatto in cui mangiano".
Non mi soffermo oltre, anche perchè il Maestro mi ricorda che sarebbe come dare PERLE AI PORCI.
Mi abbasso e precisare solo un concetto inconfutabile. L'Italia è la Patria del CRISTIANESINO e del CATTOLICESIMO, ma chi nega le proprie radici non merita nessuna patria.
23 dicembre 2010 18:31 - Cepu
I simboli della repubblica sono la bandiera e lo stellone. Tutto il resto vada alle ortiche. E il sindaco incurante, che ha giurato sulla repubblica prendendo l'incarico, andrebbe rapidamente sodomizzato dal prefetto competente.
12 dicembre 2009 19:25 - lucillafiaccola1796
Eh i sindaci però sono in grosse difficoltà... i lorpadrini della governance se stanno a magnaccià tutto loro e per i sindaci non c'è più trippa... nientre trippa... niente provvedimenti

Moh stanno a fa passà pé religione anche il Taoismo... che è PURA FILOSOFIA!!!!

Allora se il Taoismo è una religione damo lottoxmille a Lao-Tzu!!!!!

Ed il simbolo Ateo quale sarebbe? Il Vuoto? Il Nulla? E non esageriamo Zu...
7 dicembre 2009 12:06 - Lucio Musto
L'arredo delle aule scolastiche non è servizio di competenza statale, ma comunale.
Il Sindaco è perciò facultato ad emettere il provvedimento che ci occupa.

La sentenza della corte europea non ha automaticamente efficacia sulle azioni di un Sindaco italiano
6 dicembre 2009 0:07 - pine_tree
toto200

Per il simbolo ateo, direi un bel quadro con immagini di persone di diversi popoli che abbracciano un cattolico, un musulmano ed un ebreo.

Un bel documentario che mostra dove ci sta portando la religione.

http://www.youtube.com/
cercate il video:
IL VIRUS DELLA FEDE

un documentario con sottotitoli in Italiano di Richard Dawkins.
4 dicembre 2009 1:48 - Renato
Una richiesta al Vaticano: perché non mettere la bandiera italiana nelle chiese?
2 dicembre 2009 16:20 - toto200
piero3258 scrive: io penso che una pluralità di simboli religiosi (ateismo compreso) sarebbe un segno di rispetto e dialogo reciproco.

Ma contro il muro sopra la cattedra, accanto al crocefisso cristiano, al candelabro ebreo, alla mezzaluna islamica, alla pancia buddista, agli spaghetti pastafarianesimi, ... l'ateo che cosa dovrebbe attaccare per essere rispettato e dialogare?
1 dicembre 2009 19:07 - lucillafiaccola1796
Nella propria casa ognuno è libero di attaccarsi tutto quello che vuole, altri co-abitanti ... permettendo... Fuori di casa sua NOOOOOOOOOOOO!!!!!
Gli organismi legislativi europei [organismi ... si fa per dire] hanno la meglio su quelli interni [l'ha detto stamane Antonio Sinagra non certo un komunista... anzi... ma molto ben informato ed anche devo dire coraggioso a buttare in faccia la verità ai facenti finta che noi siamo tutti una massa di stronfi]. Quindi i sindachetti senza portafogli perché hanno pappacciato e sperperato i nostri "pizzuti con tributi" stessero calmini e restituissero il "maltolto", altrimenti li potremmo costringere a pulirsi l'output con una bella bandiera pad'ana, corredata di croci e chiodi... alla Vauro!!!!!
1 dicembre 2009 13:23 - piero3258
Proprio oggi c'è la notizia ufficiale della ratifica del trattato di Lisbona, che cedendo sovranità agli organismi comunitari, rende patetici questi tentativi provinciali di resistenza. Ciò premesso, mi pare che l'importanza mediatica data a questa vicenda sia eccessiva. Se il crocifisso mi dà fastidio, non lo guardo. Molto più grave che nella scuola itlaina l'ora di religione sia di fatto un'ora di catechismo e non di cultura religiosa, aperte a tutte le confessioni: un'occasione persa per favorire l'integrazione culturale dei nostri immigrati e anche per far capire a certi musulmani disinformati che il crocifisso non è un simbolo di deicidio ma di salvezza (per chi ci crede). I simboli religiosi non dovrebbero mai essere imposti per legge ma nemmeno proibiti per tutelare chi ha altre convinzioni: io penso che una pluralità di simboli religiosi (ateismo compreso) sarebbe un segno di rispetto e dialogo reciproco. Ma sono un irenista.
  (Da 1 a 16 di 16)