testata ADUC
Concorrenza. Come si affossano le riforme
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
19 aprile 2017 10:53
 
 Tutti sono concordi nel ritenere che il nostro Bel Paese e' immobile a causa dei lacci e lacciuoli che impediscono passi avanti, che frenano le imprese, che schiacciano i cittadini che rendono onnipresente la burocrazia, ma quando si tratta di tagliare le corde che imbrigliano la nostra economia scattano le rivendicazioni corporative. Abbiamo assistito al colpo di mano, nel decreto Milleproroghe, della Confindustria nel settore di trasporti, ora assistiamo al balletto sul disegno di legge sulla concorrenza che, da circa 2 anni, viaggia tra Camera e Senato e che e' oggetto di inserimenti per proteggere questa o quella categoria o impresa: nel settore energetico, in quello dei trasporti pubblici, in quello delle farmacie e in quello dei notai e avvocati.
La legge Sviluppo del 2009 prevedeva l'adozione annuale di una legge per rimuovere gli ostacoli regolatori all’apertura dei mercati, promuovere lo sviluppo della concorrenza e garantire la tutela dei consumatori. Siamo nel 2017 e il disegno di legge concorrenza attuale è il primo in discussione in Parlamento, con "soli" 8 anni di ritardo, e non e' stato ancora approvato.
Il Fondo Monetario stima al ribasso la crescita dell'Italia: siamo ultimi in Europa.
Purtroppo, scivoliamo lentamente verso la famosa "quarta sponda": il Nord Africa.
Pubblicato in:
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori